Recensione: The Noise #0

Con colpevole ritardo ho letto il numero zero di The Noise. Avevo promesso una recensione, ed eccoci qua. Con ritardo, ma eccoci qua.
Scritto da Pietro Gandolfi e disegnato da Nicola Genzianella, pubblicato dall’associazione culturale Ora Pro Comics, The Noise è un fumetto horror di quelli pesi.


Quando si “usa” l’horror come genere narrativo c’è una profonda differenza tra quello che si fa con l’horror in campo mainstream, e quello che si fa con l’horror nelle produzioni indipendenti.
Questa è una produzione indi, per cui nelle dense e spesse pagine di The Noise ci sono tutte quelle cose che non puoi trovare in contesto mainstream.
Si toccano quei temi che non si possono toccare e si viaggia, horrorificamente, verso situazioni e immagini “proibite” nell’horror di consumo.
The Noise disturba.
The Noise non riassicura.
Se erano questi gli intenti iniziali del progetto, sono riusciti nell’impresa.
24 pagine di fumetto sono soltanto una veloce rasoiata, ma già rendono l’idea e quando finiscono rimani lì con l’oscuro desiderio di leggerne ancora.
In un certo senso, The Noise si sintonizza come rumore su frequenze simili a quelle di Crossed di Garth Ennis. Ma è un sintonizzarsi per sottrazione. Vengono meno tutte le sovrastrutture tipiche di Ennis e si punta alla feroce semplicità narrativa.
Interessante.
Ancora, please.

The Noise su Facebook.