Mabel Morri che parla (e disegna) di me.

 

Ecco.
Ogni tanto capita qualcosa che non mi aspetto. Allora rimango lì, con la faccia un po’ da scemo a guardare quella cosa che non mi aspettavo.
Mabel mi sorprende un qualsiasi lunedì mattina, che diventa subito un lunedì mattina particolare.
Ha scritto e disegnato un pezzo sul nostro caffè in quel di Chiavari.
Il disegno qui sopra è parte della sua illustrazione, e il pezzo l’ha scritto per Lo Spazio Bianco, ci arrivi cliccando qui.

(Dato che il suo è un post scritto-disegnato-illustrato, è un casino metterne qui in pezzettino. Mabel dice di me delle cose che credevo di nascondere abbastanza bene. Quindi, o io non sono poi così capace di nascondermi, oppure lei è un’osservatrice spettacolare.)

E io non so che cosa dire.
Anzì, sì, lo so che cosa dire.
Grazie.

Metti che te lo stai chiedendo, del Vinoria ho parlato in questo post.