Il Web degli idioti è un’arma politica.

Diego Cajelli

Nasce a Milano nel 1971. Si dice che abbia visto un UFO nel 1978. Pare che si sia messo a scrivere, esordendo nel 1993. Da allora ha scritto parecchio, firmando storie per Bonelli, Astorina, BD, Aurea, Disney, questo e quest’altro.

Potrebbero interessarti anche...

12 Risposte

  1. Drakkan ha detto:

    Per me la situazione è molto diversa rispetto a quanto successo negli anni novanta. In quel caso qualcuno ha colto il vuoto politico e il disgusto verso la vecchia politico e l’ha fatto suo. In questo caso abbiamo davanti un fenomeno che potremmo definire uno “stand alone complex”: sono i singoli che alimentano vicendevolmente le cazzate che sparano ingigantendole e facilitandone la diffusione in tutto internet, senza alcuna etero direzione. Negli anni novanta c’era qualcuno che tirava le fila del tutto.
    Forse un primo grande esempio di soggetto che ha fatto in parte sue le fila delle deliranti scimmie terminanatrici dell’internet è Trump. Magari mi sbaglio e Trump ha semplicemente riproposto la tipica politica americana di sempre, quella basata sul “fanculo gli altri noi siamo gli Stati Uniti”, grattando via un po’ di ipocrisia.

    • PaoloBi ha detto:

      Non sono sicuro che il dilagare delle cazzate nel web sia “senza alcuna eterodirezione”. Mi viene in mente la grande importanza attribuita da Gian Roberto Casaleggio agli ” influencer”… Certo è oggettivamente innegabile che questa impressionante deriva verso il becero e il trash ha un colore politico prevalente, e un bersaglio politico ben individuabile.

  2. Alfredo Castelli ha detto:

    Bravo Diego!

  3. Luca Salvadei ha detto:

    Parole sante, demoralizzanti anche… Ma non per questo devono farci arrendere davanti all’ignoranza. Gli anni 90 sono finiti, e con loro anche il loro leader… Faremo finire anche questa cosa… Spero,

  4. Fam ha detto:

    Forse gli anticorpi sono già in chi crede in certe pratiche. Se non si curano perché la medicina ufficiale è malvagia e serva delle multinazionali farmaceutiche, c’è la possibilità che schiattino tutti con largo anticipo.

  5. trattasidipastasciutta ha detto:

    brexit : idioti = arma : web

  6. daniele j. ermes ha detto:

    ciao bell’articolo. un follower del mio nuovo insignificante blog mi ha segnalato questo post ritenendolo complementare la mio.
    te lo linko a mia volta.
    https://caffeconutopia.com/2016/07/06/condividere-i-disclaimer-sulla-privacy-di-fb-potrebbe-essere-utile/

  7. Klement Gottwald ha detto:

    L’Unione Europea è irriformabile in senso neokeynesiano. Precisiamo. Poi, che le si diano anche colpe non sue può darsi.

  8. Furio Detti ha detto:

    Gentile Diego,
    L’ho scoperta solo ieri (“merito” del papà di Mattia che non fa i compiti), evito i complimenti e vado al sodo: le propongo in tema di bufale e debunkers un mio pensiero. Che ha messo in crisi ogni posizione simile alle sue in merito. «Non è tanto il quasi certo bersi bufale del mio prossimo che mi spaventa, ma è piuttosto la certezza che ogni governo attuale stia in piedi perché mente.» Cordialmente.

    • Diego Cajelli ha detto:

      Togli pure “attuale”. I governi mentono, devono farlo, perchè la percezione selettiva è alla base della democrazia e della stabilità mentale delle masse.
      Ma, tra un governo che mente e credere, per esempio, di combattere il sistema con la sovranità individuale c’è parecchia differenza.

  1. 27/05/2016

    […] è diventata un optional: come ha fatto notare Diego Cajelli in uno splendido post (lo trovate QUI), non bastano nemmeno più legioni di scienziati a convincere un adepto della rete che che le […]

  2. 06/06/2016

    […] articolo che parla della comunicazione spazzatura diffusa su internet, dei rischi ciò potrebbe comportare, con un finale niente affatto ottimista e […]