Non dare la colpa ai cookies.

La cosa più divertente, da quando ho iniziato a fare domande, è notare come sia scattata una sorta di risposta preconfezionata, il mantra del marketing 2.0.
– Ma le pubblicità dipendono dai tuoi cookies! Quello che vedi tu è diverso da quello che vede Pinco Pallo Peperone!
– Sì, grazie.
Uso Internette da circa 20 anni e queste cose le so già.
Anche se me lo dici come se fosse la rivelazione di ‘sto pippero, è una cosa nota. Se sai usare e conosci la rete. Il fatto che sia il mantra del marketing 2.0. mi fa pensare che sia una novità per chi mi risponde così e che le campagne web delle aziende siano gestite da bimbi.
Il problema non è quello che vedo io o quello che vedi tu.
Il problema è quello che vedi.
Punto.
L’altra enorme cazzata è che le aziende non hanno il controllo su dove compaiono le loro pubblicità sul web.
Ah, ma davvero?
E allora come mai nella guida di utilizzo di Google AdWords c’è un capitolo intero che ti spiega come: “escludere siti web o domini che non sono appropriati per il tuo brand e che non aiutano a vendere i tuoi prodotti o servizi
Nello specifico, ci arrivi cliccando qui.
Quindi:
Quello che vedo io è diverso da quello che vedi tu?
Chissenefrega.
Non abbiamo il controllo su dove finiscono le nostre pubblicità!
Falso.
La cosa vera è che se come unico parametro usi le visualizzazioni puoi finire su: “siti web o domini che non sono appropriati per il tuo brand e che non aiutano a vendere i tuoi prodotti o servizi.”
E anche quel caso, Google ti può spiegare come evitarlo.

Clicca qui per tutte le info e i post precedenti sul tema: #avoistabene?

2 thoughts on “Non dare la colpa ai cookies.

  1. Sto seguendo con interesse questa tua attività (e a me ogni tanto fa ridere vedere che pubblicità saltano fuori in certi siti) ma, per curiosità, cos’è che t’ha acceso sto sacro fuoco?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *