La lettera del papà che non ha fatto fare i compiti al figlio è lo specchio dei tempi di merda in cui viviamo.

 

In questi giorni è diventata virale la letterina di un papà varesotto che comunicava ai docenti di non aver fatto fare i compiti estivi a suo figlio.
Pubblicata e rimbalzata in ogni dove, metti che te la sei persa, la puoi trovare cliccando qui.
A prima vista, come tutte le cose che diventano virali, sembra una cosina divertente. E come tutte le “cosine a prima vista divertenti”, il dito indice scatta in automatico, condividendo, mettendo like, viralizzando il contenuto.
Ti ricordi quando è successa una cosa simile?
No?
Eppure delle conseguenze di quel tipo di viralità si sta discutendo proprio in questi giorni.
La viralità del “bravoh” e delle vite che si spengono.
Quella lettera è dettata dello stesso tipo di bullismo individualista, è figlia dei tempi in cui viviamo, cresce e prende la sua forza dal tremendo abisso in cui è finita l’esistenza digitale degli individui.
Basta leggerla, con attenzione, per capire la matrice di un modus pensandi davvero pericoloso, che la rete alimenta e amplifica a dismisura. È diventata virale perchè ha trovato un terreno fertile, concimato con il relativismo e l’ignoranza.
Le parole non si usano a caso, anche quando si crede di usarle a caso.

compiti-per-le-vacanze-567073

Non starò qui ad analizzare il tono passivo-aggressivo e l’assoluta autoreferenzialità egoriferita che ti investe riga dopo riga.
Lascio perdere. Quello che conta è il distacco da un lavoro comune, la giustificazione individualista a non seguire le logiche di una comunità (la classe, la scuola) in virtù di esigenze personali, perchè io sono io, noi siamo noi. Noi i compiti non li facciamo, voi sì perchè siete parte di un branco dal quale noi ci distacchiamo.
Quelli che hanno fatto i compiti?
Dei coglioni. Cazzi loro.
Si perde, in maniera assoluta e violenta, l’importanza di fare parte di un gruppo per il quale valgono per tutti le stesse regole.
Da un punto di vista educativo e sociale questo è devastante. È lo stesso tipo di atteggiamento che mi porta a non pagare il biglietto dei mezzi pubblici, o a fottermene delle regole se quelle regole non si incastrano perfettamente con i miei desideri personali.
Svilisce, annulla, azzera il ruolo dell’autorità. Qualunque essa sia. Oggi sono gli insegnanti che ti assegnano un compito, domani? Domani cosa sarà?
Siamo di fronte alla negazione frontale e compiaciuta del riconoscimento di un establishment, qualunque esso sia.
Compiaciuta perchè prima di consegnare la letterina la fotografo, in modo che possa essere trasferita in Rete e venga diffusa. In Rete, dove oggi è tutto relativo, contestabile, dalla sfericità del pianeta Terra alla medicina tradizionale. Il tutto in una costante lotta percettivo/cognitiva contro ogni genere di forma di potere costituito, scienza compresa.
Il nocciolo è tutto qui. La lettera diventa virale perchè si infila nelle ferite ontiche che la diffusione delle Bufale hanno aperto nella nostra società, del grillinismo d’accatto, del disinfo-controinfo-stocazzinfo fuffologico dei siti su Altervista.
Ci sono dei passaggi, che è bene evidenziare per mettere in luce i significanti di una semantica socialmente pericolosa, ancor di più quando vengono usati in modo inconsapevole.
“insegnarli nozioni”
E no, ciccio. Le nozioni sono quelle che si trovano smanettando su Google, forti della propria laurea all’università della vita. Quello che si insegna a scuola non sono nozioni, si chiama percorso didattico.
“ho tre mesi per insegnargli a vivere”
Scuola e vita non sono elementi separati. Si intrecciano, sia negli affetti, sia nel proprio percorso culturale personale.
Nel favoloso mondo dei due torti che fanno una ragione, possiamo anche dire che la scuola è una merda, ma sono certo che la fuori ci siano degli insegnanti meravigliosi che, alla fine, quello che fanno è proprio insegnare a vivere, nel senso più cartesiano del termine, ovvero: insegnano a pensare.
“diversi docenti, psicologi e avvocati condividono il mio pensiero”
Quali?
Fonti?
Nomi?
Chiusura tipica della comunicazione Web da Bufala, patrimonio nazionale di questi tempi.
“avvocati”
All’appello mancavano solo loro. Sottintende una minaccia? Fa riferimento allo studente bocciato tre volte e al titanico ricorso al Tar?
“sono comunque”
La forma concessiva modale sta a dire che mi non mi devi rompere i coglioni, ma siccome sono buono, ti concedo il lusso di una mia eventuale risposta alle tue perplessità.
Ho fatto un giretto sulla pagina Facebook del genitore in questione. A parte la solita, ovvia vista le posizioni, simpatia per una certa forza politica, ho visto la condivisione a pioggia dei link ai quotidiani hanno diffuso la letterina.
Ma come? I media tradizionali, i giornali di regime, non erano il male assoluto al servizio dei potenti?
Ora, tirando le somme.
Può darsi che questo mio post scateni dibattito, nel caso in cui venga coinvolto il padre del ragazzo in questione io non gli risponderò.
Dopo vent’anni di presenza in Rete ho capito un unica cosa importante: l’inutilità del confronto.