Una volta avevo un iPhone, ora ho una costosa saponetta.

Tanto tempo fa ero un Diegozilla felice.
Avevo affrontato alcuni triboli e mi ero comprato un AiFono.
Un 3G da 8 giga, che per le mie esigenze era proprio quello che ci voleva.
Ci ho messo dentro tutto quello che mi serviva.
Telefonavo, mandavo finalmente degli SMS, visto che finalmente avevo una tastiera. Ci scaricavo la posta, giravo su Internet. Usavo le mie applicazioni, alcune davvero idiote, ma fa niente.
Funzionava.
Bene.
Mi ha risolto un paio di situazioni, e a suo modo era come avere in tasca un mini ufficio.
Andava tutto bene.
Poi, un giorno infausto, ho aggiornato il sistema operativo del telefono, mettendoci con iTunes il 4.salcazzo e il 4.salcazzo successivo.
Il mio compagno di avventure si è rincoglionito di botto.
E’ diventato un inutile, inservibile, lento, fonte di estremo nervosismo, pezzo di coso che mi porto in tasca.
Capisco che quelli della Apple vogliano farmi comprare a tutti i costi l’ iPhone 4. Però, cazzo, il mio 3G andava benissimo.
Ciccetti di Cupertino, ascoltatemi bene: Questo è un comportamento degno di quelli che ti fottono con il gioco delle tre carte in Stazione Centrale.
E di nuovo, torna a tormentarmi il fantasma di quando usavo il Pc.
Ovvero: Devo sbattermi io per risolvere un problema creato da loro.
Posso fare il downgrade del firmware, ho capito come farlo ed è alla mia portata perché non sono un celenterato. Però, RecBoot non funziona con il sistema operativo del mio iMac e devo usare il computer di qualcun altro.
Andare, smanettare un paio d’ore con il Mac di un amico, per riportare il mio iPhone dallo stato di saponetta a quello di aggeggio funzionante.
Dovete essere voi Apple Ciccetti a mettermi nelle condizioni di usare i vostri prodotti, magari prevedendo la funzione downgrade in modo semplice, lo stesso modo semplice con cui vi acchiappate i soldi della mia carta di credito una volta che mi sono registrato. No?
Ecco perché la tentazione di portare l’ormai inutile affare dove l’ho comprato, mollarlo lì e comprarmi un qualsiasi altro smartphone è fortissima.
Sto solo aspettando che scatti l’interruttore della: questione di principio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *