Eura!

Dato che la notizia sta già circolando in modo “ufficioso”, scopriamo le carte in tavola e diciamo le cose come stanno.
E’ vero, sto scrivendo per l’Eura.
Lorenzo Bartoli e Roberto Recchioni, mi hanno servito su uno splendido piatto d’argento, la possibilità di scrivere per Lanciostory e Skorpio, affiancandomi dei disegnatori favolosi, di cui vi faccio solo tre nomi: Antonio Fuso, Gianluca Gugliotta e Walter Venturi.
Che cosa sta combinando il vostro Diè preferito?
Storie brevi.
Ho la possibilità di confezionare dei piccoli bignè di massimo tredici pagine, giocando con i generi in assoluta libertà creativa, in gergo lo chiamano “libero” e lo è sul serio.
Mi sono tolto grandi soddisfazioni, ho scritto il mio primo Fantasy, e dato che tutti sanno che “odio” il Fantasy, vi lascio immaginare come può essere…
Scrivere racconti brevi per me è una novità, è un mondo parallelo della scrittura, con altre regole, altri ritmi e punti di partenza, dove ciò che accade nel quotidiano può essere usato davvero come spunto narrativo, mi sento molto un pulp writer dei bei tempi che furono!
Anzi, mi sento dentro la prefazione di un libro americano, quando lo scrittore dice, quel giorno dovevo finire un racconto per Strange Tales, poi mi chiamò al telefono il mio editor…
Mi diverte da matti l’idea di poter spaziare, di poter usare tutti i modi possibili per raccontare una storia, dal western al noir, dall’horror al cyberpunk.
Poi…mi hanno accettato una miniserie, a puntate, su Skorpio o su Lanciostory, non lo so ancora.
Di quella, parleremo diffusamente quando i tempi saranno maturi, per ora vi dico che potrebbe essere la cosa più strana che ho scritto fin ora.
Vedremo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *