Milano chiama

A volte basta cambiare un po’ le parole, ma i concetti rimangono. Sì lo so che non è in metrica, ma fa niente.
Il riferimento è ovvio, ma come tutte le cose ovvie è meglio spiegarle per bene, e qui bastano un paio di link. Clicca qui e clicca anche qui.

MILANO CHIAMA

Milano chiama le città lontane.
Ora che il party è iniziato e la sfilata è in corso.
Milano chiama dal mondo sommerso.
Fuori dai call center, tutti voi ragazzi e ragazze.

Milano chiama, adesso non badate a noi.
Qui, oltre la cerchia dei bastioni, mordiamo la polvere.
Milano chiama, guardate che non abbiamo più swing, tranne il roteare di quel manganello.

Sta arrivando l’era glaciale, il sole piomba giù.
Altre consulenze in vista, e il grano lo fanno sempre i soliti.
La metro è un carro bestiame, ma io non ho paura.

Perché Milano sta annegando e io vivevo sui Navigli.

Milano chiama le zone riqualificate.
Scordatene fratello e fallo da solo.
Milano chiama gli zombi della morte.
Smettete di resistere e tirate un altro respiro.
Milano chiama e io non voglio più gridare.
Ma poi scopro quanto prende il Trota.

Milano chiama e Corvetto comanda.
Dite agli sbirri che anche quelli sono cinesi e il problema si risolverà.

Sta arrivando l’era glaciale, il sole piomba giù
La metro è un carro bestiame, e il grano lo fanno sempre i soliti.
Un orrore strutturale ma non ho paura.

Perché Milano sta annegando e io vivevo sui Navigli.

Milano chiama, si c’ero anch’io
E sapete cosa dicevano…
Bene qualche cosa era vera!
Milano chiama mentre arriva l’ora dell’Expo.
Dopo tutto quello che hanno detto, non ti viene da ridere?
Non mi sono mai sentito così …