Lo stile e la vita (la mia)

Lo ha detto la Regina, lo ha detto Tony, George e lo ha detto anche Silvio senza la bandana:
“Noi non cambieremo il nostro stile di vita e siamo pronti a difenderlo”
Way of Life, modo di vivere, stile di vita, non hanno parlato di libertà, di democrazia o di principi democratici.
Stile di vita che cosa cazzo vuol dire?
L’idea che mi sono fatto, è che qualcuno ha deciso che pur di non mollare il Porche Cayenne, l’aria condizionata a 12 gradi, l’aperitivo a 14 euro, le scarpe di Prada, l’UMTS, il videofonino, Megan Gale unta, la cocaina, le feste al Billionare, la doppia casa, Costantino e Daniele, Verissimo, il ballo delle debuttanti, l’hotel a Portofino, le Veline, il calciomercato, i Tango Bond, la Parmalat, i trilocali a 350mila euro, i Briatori, il guadagno guadagno guadagno, la vasca idromassaggio, i sandali da 200 euri, il mettinculismo generalizzato dei nostri tempi, il cavallino della Ralph Lauren, i centri commerciali, le rate a tasso zero, il produci consuma crepa, l’inquinamento, i tassi di interesse, il io sto bene di te che cazzo me ne frega, Emilio Fede, i consulenti globali, il mibtel, i trend… pur di non abbandonare il petulante, rumoroso, costoso, sprecone, stiledivita occidentale, io posso anche saltare per aria su un Autobus.
A me questa cosa fa girare abbastanza i coglioni.
Io, personalmente, non sono disposto a morire per difendere lo stile di vita di Lapo e di Martina Stella.